salta al contenuto

Le tappe di avvicinamento al PCT

Il Tribunale di Campobasso,  ha costituito, nell’anno 2010, un Gruppo di Lavoro misto per il Processo Civile Telemativo/PCT (già denominato Gruppo di Lavoro per la digitalizzazione ottica delle Cancellerie, per l’informatizzazione delle udienze civili e per la realizzazione del processo civile telematico presso il Tribunale di Campobasso).  E’  stato ammesso dal Ministero della Giustizia/DGSIA (nota del 27/1/2011, Prot. m_dg.DOG07.27/01/2011.0002260.U) al progetto-pilota per il processo civile telematico (PCT).

Nel primo semestre del 2011, il Tribunale stipulò Convenzione  con la società Centro Soluzioni Editoriali srl per la scannerizzazione a titolo gratuito di tutte le proprie sentenze civili e penali.

Intanto, Magistrati e Personale amministrativo svolgevano appositi corsi di formazione ministeriali nel giugno 2011.

Gli Avvocati, dal canto loro, partecipavano ai corsi organizzati dal locale Consiglio dell’Ordine Forense. All’esito della formazione, in data 5 luglio 2011, è stato emesso il primo provvedimento giurisdizionale telematico (si trattava di un decreto ingiuntivo) della storia del Tribunale di Campobasso e degli Uffici giudiziari del distretto.

Il Processo Civile Telematico è stato dunque già avviato col sistema del  c.d. doppio binario.

Il Tribunale e la Corte di Appello sono stati ammessi, con decorrenza 1 marzo 2012,  al sistema delle comunicazioni e notificazioni telematiche con valore legale, anche con riferimento ai processi cartacei, con provvedimento ministeriale/dirigenziale DGSIA del 29.02.2012.

Con successivo decreto del 13 marzo 2012 del  Direttore  DGSIA  statuiva che a decorrere dal giorno 19 marzo 2012, le trasmissioni effettuate da e verso codesto Tribunale avranno valore legale, a norma dell’art. 35, comma 1 del D.M. 21/02/2011, n. 44, relativamente ai procedimenti d’ingiunzione”. Nel frattempo, in accordo col locale CISIA, si è provveduto alla pulizia informatica su base distrettuale del sistema SICID per l’Anagrafica Avvocati.

In data 26 aprile 2012 il Tribunale  stipulava Convenzione con la società Asteimmobili.it per la scannerizzazione a titolo gratuito di tutti gli atti delle cause civili pendenti (che verranno inseriti nella funzione ADA del PolisWeb e che saranno così visibili anche da casa, dagli studi professionali, dai palmari, ecc.) e per il costante aggiornamento del proprio sito web.  

Il 17 settembre 2012 il Presidente del Tribunale ff. dottor Vincenzo DI GIACOMO sottoscriveva altra  convenzione con la Società Asteimmobili.it/Aasteimmobili Servizi Online Spa tendente a scansionare ed inserire in SICID i fascicoli processuali civili iscritti a ruolo a partire dal mese di settembre 2012.

Le dette operazioni hanno reso possibile la visibilità telematica esterna dei fascicoli processuali e del loro contenuto, ossia l’ accesso agli atti del fascicolo in formato elettronico, ai soggetti abilitati, anche accedendo al Portale dei servizi telematici sviluppato dal Ministero della Giustizia/DGSIA.  Era così data attuazione alla nota ministeriale/DGSIA del 26.07.2011, relativa alla dismissione del servizio di consultazione registri Polisweb Nazionale in favore del cd. Polisweb PCr.

Quanto invece ai Magistrati, l'accesso telematico esterno avviene attraverso la Consolle del Magistrato e/o il MegOffice.

In data 18.03.2013,  la DGISIA ha decretato l'attivazione presso il Tribunale di Campobasso , con decorrenza dal 2 aprile 2014, del Processo Civile Telematico PCT a binario unico (al quale l’Ufficio era stato già precedentemente ammesso per i procedimenti monitori) con riferimento all'intero processo civile di Cognizione, al processo del Lavoro, alle Esecuzioni, ai Fallimenti, alla Volontaria Giurisdizione ed ai restanti procedimenti sommari.

Con provvedimento del dì 11 marzo 2014, il Presidente della Sezione Civile disponeva che le udienze in materia di famiglia iscritte sul suo ruolo venissero trattate in forma telematica.